Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.

Consulta gli Articoli

Ricorda che leggere ti potrà essere d'aiuto.

Quando il matrimonio è in crisi

(0 Voti)

Capacità relazionali ridotte all’osso, senso di fallimento personale esteso al rapporto con il proprio coniuge, sgretolamento dei valori familiari, scarsa autostima, appiattimento delle aspettative e delle prospettive di vita, astio, stato confusionale, senso di colpa; questi gli stati d’animo in cui spesso precipitano coloro i quali vivono «gli sgoccioli di un matrimonio in crisi».

Nella società attuale, tutta una letteratura popolare, i film, la televisione, ecc, ci propongono prepotentemente un modello di matrimonio con facili vie d’uscita: “...ci si sposa per soddisfazione personale. Si deve rimanere insieme finché si sta bene senza fatica, si prova calore e si è felici. Se cominci a soffrire, è legittimo guardarsi intorno e cercare altrove la propria soddisfazione. L’impegno di fedeltà è superato. La solitudine non va tollerata. 

Quando le cose vanno troppo male, c’è sempre il divorzio. L’amore è solo un sentimento, per cui se non lo si sente, vuol dire che il matrimonio è morto.”

Ci sono tanti motivi che portano una coppia verso la crisi:

  • mancanza di comunicazione efficace e di dialogo
  • delusioni, aspettative infrante
  • scelte di vita che non convergono più
  • influenza della famiglia di origine nel rapporto di coppia
  • infedeltà commessa o subita
  • problemi di dipendenza da droghe, alcol, o dipendenza dal gioco
  • mantenere interessi e abitudini che escludono il coniuge come si facesse una vita da scapoli, pur essendo sposati.
  • Queste sono alcune cause possibili della crisi di coppia, che sperimenta uno stato di «sofferenza permanente» ed è orientata ormai verso una vita rassegnata alla reciproca sopportazione, se non già verso la separazione e il divorzio.

Un problema più frequente è la solitudine: molte coppie vivono prive di un sistema di sostegno familiare o amicale, oppure pensano che il matrimonio riguardi “solo loro due”, che sia una cosa privata, che “i panni vanno lavati in casa”.

Quasi sempre una coppia tende a tenere nascosta la difficoltà che vive anche alle persone vicine (genitori, parenti, amici) e la loro crisi di coppia resta nascosta, invisibile ed inimmaginabile. Quando la relazione è a pezzi, si finge che tutto vada bene, nascondendo la verità di un matrimonio ferito e si tengono gli altri a distanza dai propri problemi perchè ci si vuole sentire parte di un gruppo e si teme un rifiuto e di venire giudicati negativamente.

Alcune coppie hanno partecipato a corsi per fidanzati tra i più qualificati nell'ambito della Chiesa Cattolica, e si chiedono: “Perchè è successo anche a noi?”. Loro stessi si sentono disarmati e spaventati di fronte alla loro crisi e alle conseguenze sulla loro relazione. Tante volte la coppia non capisce da dove sia iniziata la crisi, quale sia il vero problema, ma ad un certo punto uno dei due scoppia perchè vede l'altro assente dalla sua vita. Tra i due si crea un muro di incomunicabilità, si perde completamente la comunicazione nella coppia.

Di fronte a questa sofferenza, quando ne veniamo a conoscenza, come amici o parenti, spesso non sappiamo che risposta dare ai due che vivono questa situazione. Spesso anche i sacerdoti non sanno cosa consigliare, nè cosa fare di fronte a tanto dolore.

Quando inizia la crisi della relazione di coppia, è molto facile che si instaurino, nella mente delle persone, atteggiamenti negativi, nei quali ciascuno pensa a sé stesso e all'altro solo in termini problematici e negativi, ripetutamente, a volte anche ossessivamente... l'altro è visto come un avversario, un nemico, che mi ha ferito e di cui non mi posso fidare.

Nel programma di Retrouvaille le persone imparano gradualmente a diventare consapevoli ognuno dei propri sentimenti e dei pensieri che si agitano nella mente, degli atteggiamenti che essi adottano nelle situazioni per reazione, imparando così la propria personale POSSIBILITÀ DI CAMBIARE atteggiamenti, e la possibilità di migliorare la comunicazione, di renderla efficace nel rapporto di coppia.

Cambiare atteggiamento è POSSIBILE. Noi coppie “guarite” dal programma Retrouvaille possiamo testimoniarlo ed invitare altri a farlo, il beneficio che la persona e la coppia ne ottengono è incalcolabile, in tutte le relazioni umane di quella persona e di quella coppia.

Quando ricostruisce una buona relazione tra i due, riconquistando la riconciliazione e l'intimità, insieme la coppia può progettare come risolvere i problemi che incontra sul suo cammino, marito e moglie possono affrontare un tradimento del passato e superare la crisi.

Letto 131 volte Ultima modifica il Lunedì, 12 Settembre 2016 22:25
Devi effettuare il login per inviare commenti

Scegli la mia Newsletters:

Riceverai news e articoli sempre aggiornati, contenuti promozionali e pubblicitari.